Processo a Francesco Crispi

Ed eccoci arrivati al terzo “processo” nella storia di UNUCI Monterosi Tuscia Sud: il primo imputato fu nel 2011 Ferdinando I° re delle Due Sicilie seguito lo scorso anno da Napoleone III° Imperatore dei francesi e, quest’anno l’uomo politico Francesco Crispi.
La Prof.ssa Marina Mortillaro, dandoci una vera lezione di storia, ha presentato l’imputato in tutte le sfaccettature del suo passato politico-istituzionale, con luci ed ombre; è seguita poi l’accusa, rappresentata dal Dott. Patrizio Gravano e dal Ten. Dott. Giorgio Labella, che hanno cercato di “demolire e demonizzare” la figura del Crispi argomentando su diversi aspetti dell’imputato sia personali, che politici, che morali. E’ stato poi il momento della difesa, sostenuta dalla Prof.ssa Fiorella Pietrangeli, precisa ed accalorata dove ha cercato di porre in chiara luce tutte le opere intraprese dallo statista per il  bene della nazione.
L’imputato, egregiamente rappresentato dall’Avv. Magg. Francesco Coletta, si è infine rivolto alla Corte giudicante per difendersi argomentando su alcune asserzioni poste dall’accusa.
Al termine la Corte, presieduta dal Sindaco Emerito di Monterosi Enzo Blasi con Giudici “a latere” gli Ammiragli Antonio Peri e Salvatore Reitano e i Generali Giampaolo Scillieri e Gilmo Cavazza, avvalendosi della consulenza giuridica del Magistrato Onorario Generale Michele Fini, si è riunita in Camera di Consiglio, emettendo un verdetto di assoluzione per non aver commesso i fatti.

Il processo del 2014 vedrà come imputato lo statista Giovanni Giolitti.

E’ seguita la programmata “cena d’autunno” presso il sempre ottimo ristorante “il gusto e la vista” dove abbiamo anche festeggiato (contate le candeline) il compleanno del Generale Scillieri.

Dott. Maria Vittoria Avanza Canu