Cerimonia al Sacrario Militare di Monterosi

Domenica 11 settembre, presso il Sacrario Militare di Monterosi, si è svolta la commemorazione del fatto d’armi di Monterosi del 9 settembre 1943, ben 68 anni or sono, che vide il sacrificio del S.Tenente Ettore Rosso MOVM am, a cui è dedicata la Sezione UNUCI di Monterosi-Tuscia Sud, e dei suoi valorosi Soldati.
Erano presenti: il Presidente Onorario ANGET Gen.C.A. Giuseppe Calamani, il Gen.C.A. Maurizio Ruggeri Comandante delle Infrastrutture in rappresentanza del Capo di SME, il Presidente Nazionale ANGET Gen.C.A. Maurizio Cicolin, il Sindaco di Monterosi Capitano Francesco Paris, il Presidente della locale Sezione UNUCI Gen.C.A. Luciano Canu, un picchetto d’onore dei Lancieri di Montebello ed un blocco di giovani che stanno effettuando presso la Cecchignola un periodo trisettimanale di primo addestramento militare, chiamato comunemente “mini-naia”.
Dopo la resa degli onori, l’alzabandiera, l’inno nazionale e la S.Messa, il Generale Cicolin ha preso la parola per narrare in modo conciso il fatto d’armi ma sopratutto per ricordare la Signorina Liberati Cav.OMRI Maria Pia, da un mese deceduta alla soglia dei 90 anni, da sempre “madrina instancabile” della cerimonia e “gelosa custode” del Sacrario Militare di Monterosi.
Dopo la deposizione delle corone e l’ammainabandiera, il corteo preceduto dalla Banda Santa Cecilia di Monterosi, si è portato in Piazza Garibaldi, centro di Monterosi, al Monumento ai Caduti dove, dopo l’alzabandiera e deposizione corona, il Sindaco di Monterosi, nella sua allocuzione, ha voluto ricordare che grazie al loro sacrificio abbiamo conquistato la democrazia nel nostro Paese; si è anche lamentato, in tono serio ma non polemico, della assenza dei giovani monterosini alla Cerimonia.
L’ammainabandiera ha concluso la manifestazione. 
Arrivederci all’anno prossimo per celebrare il 69° anniversario.

Dr. Maria Vittoria Avanza Canu